Breadcrumbs

Cosa significa la nazionalizzazione 
della Venepal

“Senza cedere alle illusioni e senza temere le calunnie, i lavoratori avanzati sosterranno completamente il popolo messicano nella sua lotta contro gli imperialisti. L’esproprio del petrolio non è il socialismo né il comunismo. È però una misura sommamente progressista di autodifesa nazionale.

J’accuse! Il parlamento messicano vota l’incriminazione di Lopez Obrador

dal sito In defence of Marxism

Lo stesso giorno che Andres Manuel Lopez Obrador ha ufficialmente annunciato la sua candidatura alla presidenza del Messico, dinanzi ad una platea di mezzo milione di sostenitori, il parlamento gli ha revocato l’immunità parlamentare (desafuero), rendendolo incriminabile per aver ignorato la sentenza contraria di un tribunale che aveva impedito la costruzione di una strada di collegamento per un ospedale. Se il processo non dovesse concludersi per il prossimo gennaio, Lopez Obrador, per legge, non potrà candidarsi.

 

Lettera di Cesar Zelada dal carcere di San Pedro

Pubblichiamo qui di seguito una lettera che Cesar Zelada ha inviato dal carcere. Colpisce il trattamento umiliante che la polizia boliviana ha inferto al compagno e il chiaro intento persecutorio del magistrato, che accusa Cesar di avere con sé "propaganda marxista". Ma la cosa più importante è che il morale del compagno è sempre alto, così come è intatto il suo spirito rivoluzionario.

La convocazione del referendum fa esplodere la rabbia delle masse

Giovedì 3 giugno la Commissione elettorale nazionale venezuelana (Cne), basandosi sui dati preliminari, ha annunciato che l'opposizione aveva raccolto firme sufficienti per celebrare un referendum revocatorio del Presidente. L'opposizione aveva bisogno del sostegno di 2.436.083 firme, per ottenere il referendum revocatorio. Secondo il Cne ne hanno raccolte 2.451.821, che sono appena 15.738 in più rispetto al numero richiesto.

Basta con le intromissioni dell’imperialismo!

Senza firme niente referendum!

La rivoluzione in Venezuela è di nuovo in pericolo. Lo scorso fine settimana si è svolto la verifica delle firme “dubbie” che l’opposizione aveva raccolto nel dicembre scorso per convocare un referendum di revoca del mandato presidenziale.

Prima riunione generale della 
Assemblea popolare nazionale indigena di Bolivia

Pubblichiamo la traduzione della risoluzione che lancia lo slogan dell’assemblea popolare approvata due giorni fa a El Alto, in una riunione dove erano presenti 150 delegati di sessanta organizzazioni diverse. Il significato di tale risoluzione non può essere sottovalutato: rappresenta il primo passo vero la creazione di organismi di potere alternativi da parte dei lavoratori.

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video