Breadcrumbs

thumb_26-nisan.jpgDalla fine di aprile si è sviluppata una mobilitazione molto combattiva dei metalmeccanici del settore auto in Turchia, con epicentro a Bursa. I lavoratori sono in lotta per salari e condizioni migliori e per una rappresentanza sindacale democratica.

Il precedente di questo movimento è stato l'accordo raggiunto dai lavoratori dello stabilimento Bosch alla fine del 2014. Attraverso azioni di sciopero e dopo uno scontro con la direzione del sindacato Türk metal hanno conquistato salari più alti rispetto a quelli firmati nel contratto nazionale dei metalmeccanici.

Il movimento attuale è iniziato a Bursa, il 14 aprile, quando i lavoratori di vari stabilimenti di componenti per auto hanno rivendicato lo stesso contratto dei lavoratori della Bosch e hanno minacciato dimissioni di massa da Türk metal se il sindacato non fosse stato d'accordo a rappresentarli.

I lavoratori dello stabilimento Renault hhanno guidato il movimento che poi si è diffuso ad altri stabilimenti matelmeccanici che lavorano per la Renault, tra cui Cokkunöz, Mako e altri. Il 26 aprile c'è stato il primo corteo di massa nel centro di Bursa.

Le principali richieste dei lavoratori sono:

Il nostro accordo dovrebbe essere ricontrattato sulla base dell'accordo firmato alla Bosch
Vogliamo scegliere noi stessi i nostri rappresentanti democraticamente
Vogliamo la certezza che, nel caso ci siano dimissioni dal sindacato, nessuno sia licenziato
Turk metal dovrebbe lasciare immediatamente le fabbriche

Il 5 maggio migliaia di lavoratori si sono riuniti per attuare la loro decisione di dimettersi collettivamente da Türk metal. Un gruppo di teppisti assoldati dalla burocrazia di Türk metal li ha attaccati con spranghe di ferro. Questo attacco ha ulteriormente radicalizzato i lavoratori e ha esteso ancora di più il movimento. I lavoratori di Tofa, che produce automobili per Fiat, Citroen, Peugeot, Opel e Vauxhall, si sono uniti al movimento e così hanno fatto gli altri a Delfi, Valeo, Arçelik, Farba, DJC e altri stabilimenti.

Di fronte alla rabbia dei lavoratori la Renault ha fatto un passo indietro, cercando di prendere un po 'di tempo. Ha promesso che non ci sarebbero licenziamenti e ha chiesto 15 giorni di tregua per discutere la possibilità di aumenti salariali. Il 14 maggio è diventato chiaro che l'azienda non aveva alcuna intenzione di cedere e ai lavoratori sono tornati in sciopero.

Il movimento è stato organizzato al di fuori del sindacato attraverso strutture di rappresentanza democratiche, tra cui un'iniziativa denominata Solidarietà dei Lavoratori Metalmeccanici e l'elezione di un Consiglio interfabbrica.

Questa settimana il movimento di sciopero ha continuato ad allargarsi con i lavoratori dello stabilimento Ford Otosan a Izmit che sono scesi in sciopero oggi, 20 maggio.

A questo link troverete diversi video che testimoniano il carattere combattivo delle mobilitazioni

Per seguire gli sviluppi della vertenza, vi consigliamo questo sito:

The Wind of Metal Workers Rises

Una nuova scadenza si avvicina nella trattativa infinita tra la Grecia e le istituzioni internazionali. Entro fine maggio, intimano Merkel e Hollande, bisogna trovare un'intesa per sbloccare 7,6 miliardi di aiuti ad Atene. “Nuova intesa” che suona come un nuovo ricatto: a seguito del primo accordo risalente al 20 febbraio con l'Eurogruppo, nessun passo in avanti è stato compiuto a favore delle masse in Grecia.

Il governo socialista ha ottenuto l’approvazione quasi unanime di una legge che aumenta i poteri arbitrari di sorveglianza dei servizi segreti sulla popolazione. Un funzionario dei servizi non avrà più bisogno dell’approvazione preventiva della Commissione nazionale di controllo o del capo del governo per spiare, fino alla perquisizione domiciliare, chiunque sia sospetto di minacciare “l’indipendenza nazionale, l’integrità del territorio, la prevenzione del terrorismo, gli interessi superiori della politica estera, la prevenzione degli attacchi alle istituzioni repubblicane”. Nella formulazione ci si può ficcare dentro quel che si vuole, anche occupare un Consiglio comunale per protesta contro tagli agli asili. L’attentato a Charlie Hebdo e la successiva campagna d’unità nazionale “Je suis Charlie” sono i parenti prossimi di questa stretta anti-democratica.

Dalle ore 15 del 4 maggio sino allle 9 del 10, è sciopero! Il più grande della storia per la Deutsche Bahn! Tutta la Germania rimarrà paralizzata con due terzi dei treni a lunga percorrenza fermi, colpiti anche i servizi metropolitani delle più importanti città, treni a breve percorrenza ed i treni merci.

David-CameronOggi, le grandi imprese ed i pezzi grossi della City di Londra festeggiano la loro vittoria coi loro amici del Partito Conservatore, i Tories. Si stappano le bottiglie di champagne mentre i dividendi s'innalzano. Il partito dei ricchi è di nuovo in sella, e con una maggioranza inaspettata alla Camera dei Comuni (la camera bassa del Parlamento britannico).

03.jpgOggi ricorre il primo anniversario del massacro di Odessa. Questo stesso giorno, un anno fa, alcune bande paramilitari fasciste e naziste hanno assaltato la sede del Palazzo dei Sindacati di Odessa, dandole fuoco: nell'incendio e sotto i colpi di bastone e arma da fuoco sono state uccise 42 persone, fra cui membri del KPU (Partito Comunista Ucraino), del Komsomol ("Società della gioventù comunista di Lenin", la giovanile del KPU) e Borotba ("Lotta", partito comunista di più recente formazione).

baltimore“La rivolta è il linguaggio di chi non ha voce” (Martin Luther King)

Baltimora, Maryland. Il 12 aprile scorso Freddie Gray, un ragazzo di 25 anni, è stato arrestato mentre andava tranquillo in bicicletta, senza nessuna motivazione apparente. I poliziotti durante l’arresto lo hanno preso a calci e pugni e il ragazzo, asmatico, ha subito gravi danni alla cassa toracica e soprattutto alla colonna vertebrale.

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video