Breadcrumbs

Pakistan


La scorsa settimana la Federazione Nazionale degli Studenti di Jammu-Kashmir (Marxist) ha partecipato ad una massiccia mobilitazione di giovani e studenti. La Jknsf è l’organizzazione tradizionale degli studenti in Kashmir, con un ruolo di primo piano nella lotta per l’indipendenza della regione divisa tra Pakistan ed India. I marxisti di "The Struggle" per tutto un periodo ne hanno avuto la direzione e solo a causa di manovre burocratiche l’hanno persa nel 2003.

La sezione locale del sindacato, attaccata dal padronato,dai mass media e dai loro stessi dirigenti nazionali, senza una chiara prospettiva su come proseguire ed allargare la mobilitazione, ha votato a maggioranza per sospendere lo sciopero. Al momento sono in corso trattative tra le parti per il rinnovo del contratto. Comunque finirà questa vertenza, i lavoratori americani hanno dimostrato tutta la loro forza: una volta che sapranno imporre una nuova e combattiva direzione del movimento operaio al posto di quella attuale, corrotta e burocratica, siamo convinti che nessuno potrà fermarli.

Chi semina vento raccoglie tempesta

 dal sito "In defence of Marxism"


La scorsa settimana una mobilitazione crescente si è sviluppata in tutto il Medio Oriente in reazione alla pubblicazione di alcune vignette raffiguranti una caricatura del profeta Maometto. Come un terremoto le proteste si sono estese dal Medio Oriente, dove decine di migliaia di manifestanti arrabbiati sono scesi in piazza, a paesi asiatici come l’Afghanistan, dove le proteste si sono fatte violente e diverse persone sono state uccise, e l’India, dove la polizia antisommossa ha sparato gas lacrimogeni per disperdere centinaia di studenti che avevano bruciato per protesta una bandiera danese. In Kashmir c’è persino stato uno sciopero generale di un giorno per protestare contro le vignette ed anche in Indonesia la polizia ha dovuto fermati i manifestanti che volevano irrompere nell’ambasciata danese. Non ci sono riusciti invece a Beirut, dove i manifestanti hanno dato fuoco all’ambasciata. Persino a Londra ci sono state manifestazioni infuocate dove i fondamentalisti islamici gridavano slogan reazionari esaltando gli attentati del 7 luglio scorso.

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video