Breadcrumbs


Il governo di Musharraf si dibatte in una crisi che sembra essere senza via d’uscita. I rapporti con gli Usa si stanno deteriorando progressivamente, date le difficoltà crescenti dell’intervento imperialista in Afghanistan. Ricordiamo che l’apparato dello Stato pakistano ha contribuito a creare il movimento dei talebani ed ancora oggi sul territorio pakistano vi sono numerose basi dell’integralismo islamico.

Il massacro sanguinoso del 10 luglio ad Islamabad è un altro episodio del dramma in atto in Pakistan. Uno stato indebolito da una crisi interna e da un vero e proprio crollo economico sta conducendo una battaglia, feroce ma inutile, contro il mostro di Frankenstein che ha contribuito a creare, il fondamentalismo islamico.

Pakistan

Il 19 dicembre scorso si è tenuta a Rawalpindi una conferenza di rappresentanti operai da tutto il Pakistan, allo scopo di unificare tutte le lotte attualmente in atto nel paese attraverso un’unica piattaforma. Hanno partecipato oltre cinquecento delegati, in rappresentanza di oltre 63 sindacati e numerose federazioni ed associazioni operaie. Manzoor Ahmed, presidente del Ptudc (Campagna in difesa dei sindacati pakistani), nonché parlamentare, ha introdotto la riunione.

La “Conferenza internazionale in solidarietà con la resistenza libanese contro l’aggressione imperialista” si è svolta nella sede dell’Unesco a Beirut dal 16 al 19 novembre. Lal Khan, marxista pakistano, leader della tendenza marxista “the Struggle”, è stato invitato ufficialmente ad intervenire. Pubblchiamo sul nostro sito un riassunto del suo discorso.

Dal nostro corrispondente a Lahore

dal sito In defence of Marxism

 

Il 23 ed il 24 marzo si è svolto a Lahore, in Pakistan, il 25° congresso di “the Struggle”, la tendenza marxista pakistana. La più grande sala della città, che può contenere oltre mille persone, era strapiena di lavoratori, contadini e studenti provenienti da tutto il paese.


Settecento persone sono arrivate, dopo un viaggio di 11 ore, con un treno coperto di bandiere rosse e metà di loro provenivano dal Kashmir,.

Un appello a favore dei lavoratori in Kashmir

 

Abbiamo appena ricevuto il seguente appello urgente dai compagni della Ptudc (Pakistan Trade Union Defence Campaign) in Pakistan. Il terremoto terribile che ha devastato il nord del Pakistan e dell’India ha avuto i suoi effetti peggiori nel Kashmir. Come se gli abitanti di questa terra oppressa non avessero sofferto abbastanza, la natura ha ora inflitto una calamità orribile che è caduta pesantemente sui settori più poveri della società. Come spiega questa lettera, intere città e villaggi sono stati distrutti, uccidendo decine di migliaia di persone.
Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video