Breadcrumbs

Pubblichiamo questa intervista realizzata da Marco Santopadre, dove Sergei Kirichuk affronta in dettaglio tutta una serie di argomenti sulla situazione in Ucraina. Sergei è in Italia fino al 12 novembre nell'ambito di una serie di assemblee realizzata dallla campagna Solidarietà con la resistenza antifascista in Ucraina. Per vedere tutte le date, clicca qui.

----

 

Abbiamo incontrato a Roma Sergei Kirichuk, militante dell’organizzazione marxista ucraina Borotba ("Lotta"), e gli abbiamo rivolto alcune domande sulla situazione nel suo paese e sugli scenari futuri.

Prima di tutto abbiamo chiesto al nostro interlocutore di spiegarci cos’è Borotba.

Borotba è un’organizzazione marxista che si è formata nel 2011 dalla confluenza di diversi gruppi. Per lo più si trattava di giovani militanti critici nei confronti della linea del Partito Comunista e delle sue illusioni parlamentariste ma anche di militanti di altre organizzazioni marxiste. La nostra idea era quella della mobilitazione diretta dei lavoratori contro il capitalismo e l’oligarchia. Purtroppo lo scoppio della guerra civile ha dimostrato che la nostra organizzazione non era ancora pronta ad affrontare una situazione di scontro frontale e di clandestinità e pertanto siamo ora immersi in un processo di ricostruzione della nostra organizzazione. Abbiamo in corso un forte dibattito su come ricostruire la nostra struttura e il nostro intervento e su quali tattiche adottare sia nel Donbass sia nell’insieme dell’Ucraina. 
Noi crediamo che l’unica via d’uscita per l’Ucraina sia una soluzione federativa con il ricoscimento dell’autonomia per tutte le culture e le minoranze, oltre alla denazificazione del paese.

Cosa pensa Borotba di quello che è successo negli ultimi mesi, a partire dal movimento ribattezzato ‘EuroMaidan’. Qual è il vostro giudizio?

1kirichukDa subito la nostra organizzazione è stata contraria a Maidan perché questo movimento che si presentava come favorevole all’integrazione dell’Ucraina nell’Unione Europea sapevamo che avrebbe significato la catastrofe per il tessuto produttivo e industriale del paese oltre che per le condizioni sociali della popolazione. Avevamo già degli ottimi – cioè pessimi – esempi provenienti da altri paesi dell’Europa Orientale che erano stati integrati nell’Ue, ad esempio in Bulgaria o nelle Repubbliche Baltiche, dove milioni di persone hanno perso il loro lavoro e sono state costrette a emigrare verso l’Europa nord-occidentale alla ricerca di lavori malpagati. E’ vero che l’Ucraina è uno dei paesi più poveri del  continente ma nella parte orientale del paese ancora si producono manufatti ad alta tecnologia come motori per aerei ed elicotteri, c’è l’industria aerospaziale. Sapevamo che questa produzione non avrà mai accesso al mercato dell’Unione Europea e pertanto l’integrazione significherebbe la distruzione di centinaia di migliaia di posti di lavoro altamente qualificati. E’ per questo che milioni di ucraini sono fortemente contrari all’ingresso dell’Ucraina nell’Ue. Noi abbiamo sostenuto questi lavoratori – in molti casi si tratta di tecnici e ingegneri – che hanno una posizione totalmente contraria perché difendono questi lavori qualificati.
Inoltre fin da subito era chiaro che l’estrema destra aveva un ruolo fondamentale e centrale in ‘EuroMaidan’; anche se rappresentavano all’inizio una minoranza dal punto di vista numerico è riuscita ad egemonizzare la mobilitazione. Non condividiamo la loro idea di un’Ucraina “solo per gli ucraini”, di un paese etnicamente puro ed al contrario pensiamo che vadano rispettate tutte le diversità religiose, linguistiche ed etniche.

Si è scritto che a Maidan c’era anche una presenza di movimenti di sinistra o quantomeno progressisti, e in Italia e in Europa esistono correnti di sinistra che nonostante tutto continuano ad affermare che quella mobilitazione è stata comunque positiva perché metteva in discussione un governo antipopolare e lo strapotere dell’oligarchia. Voi però non condividete questo punto di vista… 

Ci sono molte correnti di sinistra nel mondo che hanno il feticcio delle ‘masse che scendono in piazza’. Noi dobbiamo sapere che una massa di gente che scende in piazza può essere anche reazionaria o comunque sotto l’influenza di una direzione politica reazionaria. Ad esempio c’è stato un piccolo gruppo di sinistra che ha partecipato da subito alla mobilitazione di piazza a Kiev con delle parole d’ordine molto moderate, che parlavano della necessità di un’Europa sociale – mica del socialismo – e che però è stato fortemente attaccato e accusato dal resto della piazza secondo la quale l’Europa sociale era l’anticamera dei gulag staliniani!
Inoltre fin da subito era chiaro che ciò che animava coloro che scendevano in piazza era soprattutto l’individualismo, l’arrivismo, con l’idea e l’illusione che se l’Ucraina entrerà nell’Ue chiunque lavori duro avrà successo e si arricchirà. Nessun sentimento di solidarietà, di critica sociale era visibile nella mobilitazione.

Qual è adesso la situazione in Ucraina e nel Donbass, e cosa pensate del risultato delle elezioni che si sono tenute prima nei territori controllati dal regime e poi nelle Repubbliche Popolari? 

Ci sono due tendenze politiche principali in Donbass attualmente. Una è prettamente ‘separatista’ e afferma che non c’è più spazio per un ritorno sotto l’autorità del regime di Kiev e quindi spinge per una separazione delle Repubbliche Popolari affinché diventino uno stato del tutto indipendente. L’altra invece considera la creazione delle Repubbliche Popolari un primo passo per stabilire anche un dialogo con quei settori della popolazione ucraina che avevano sostenuto o tollerato EuroMaidan nella misura in cui lo consideravano una opposizione all’oligarchia. C’è una forte spinta a sinistra con una richiesta da parte di consistenti settori popolari affinché vengano attuate le nazionalizzazioni dei settori fondamentali dell’economia e vengano implementate misure sociali, ma devo dire che purtroppo anche la pressione dell’oligarchia russa è molto forte nel Donbass perché una possibile rivoluzione socialista in questa regione potrebbe costituire un ‘cattivo esempio’ per i settori popolari in Russia. Nel Donbass oggi è discorso comune tra la gente sentir dire che le privatizzazioni degli anni ’90 di miniere, industrie e del settore energetico sono state un furto della proprietà popolare. Queste spinte alla nazionalizzazione delle industrie e allo sviluppo di forme di proprietà collettiva in Donbass vengono considerate come un grosso pericolo tanto dalla borghesia di Kiev quanto da quella di Mosca.
Per quanto riguarda l’Ucraina dalle elezioni è emersa una chiara virata a destra del parlamento. Anche se è vero che forze apertamente naziste come Svoboda o Praviy Sektor non sono riuscite ad entrare alla Rada occorre dire che tutti i partiti borghesi ‘rispettabili’ hanno subito una virata verso l’estrema destra, presentandosi con programmi estremisti e facendo eleggere i leader dei battaglioni punitivi, i comandanti militari di bande fasciste, gli oligarchi. Le elezioni ucraine sono un chiaro esempio di ipocrisia da parte sia dei governi occidentali sia della classe politica liberale locale che, ad esempio, ha sostenuto apertamente dei candidati neonazisti. A Kiev i circoli e i media liberali hanno sostenuto un candidato del Blocco Poroshenko che è un razzista dichiarato, un folle che parla di supremazia della razza bianca e di costruire un futuro basato sull’esclusione dei cittadini di lingua e cultura russa e di tutte le altre minoranze.


Anche su quanto sta succedendo in Donbass alcune correnti di sinistra qui in Europa – e praticamente tutti i media mainstream - hanno un giudizio diverso, identificando le forze principali della sollevazione del sud-est ucraino come puramente nazionaliste nella migliore delle ipotesi o addirittura reazionarie e fasciste. Qual è la reale composizione del panorama politico delle Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk? 

Non vogliamo fingere che non ci sia la presenza in Donbass di tendenze nazionaliste russe ma è impossibile negare il protagonismo di movimenti e forze di sinistra e di un forte sentimento antifascista. Uno dei principali e più popolari dirigenti militari delle milizie delle Repubbliche Popolari, Alexey Mozgovoy, ha più volte dichiarato che il nazionalismo non è la via d’uscita ma che la lotta del popolo del Donbass deve essere solo l’inizio della spallata contro l’oligarchia in tutto il paese. Ci sono molti comunisti o socialisti che combattono nelle milizie del Donbass così come ci sono anche molti elementi conservatori o nazionalisti e tra le varie correnti c’è mutuo rispetto e convivenza in nome della comune lotta. Il grande pericolo è che questo conflitto sfoci in uno scenario yugoslavo, con l’esplosione dell’odio reciproco tra la popolazione sulla base dell’appartenenza etnica, linguistica, religiosa. Quindi cerchiamo di sostenere ogni tendenza di sinistra in Donbass dove comunque esiste una forte tradizione e mobilitazione operaia. Dopo il golpe di febbraio nell’est del paese si è sviluppata una forte mobilitazione della popolazione che chiedeva pacificamente che il nuovo regime concedesse autonomia culturale e fiscale alle regioni abitate dalle minoranze e in particolare da quella russofona. Ma invece di concedere la richiesta federalizzazione dell’Ucraina il governo maidanista ha imposto una vera e propria feudalizzazione, nominando governatori delle province i più ricchi oligarchi del paese che hanno immediatamente creato milizie private infarcite di elementi di estrema destra. Le milizie private hanno immediatamente imposto un clima di terrore iniziando una vera e propria caccia ai comunisti, ai dissidenti con sedi politiche e sindacali assediate e distrutte, aggressioni, omicidi e sequestri. Ciò che è accaduto con la strage di Odessa - decine di persone massacrate, bruciate vive e assassinate a freddo all'interno della Casa dei Sindacati dagli estremisti di destra - è eclatante.

In che modo la Russia sta supportando il movimento del Donbass e in quale misura lo sta invece frenando tentando di ricondurlo all’interno della sua necessità di arrivare ad un compromesso con l’Unione Europea, necessario dopo l’isolamento internazionale politico e militare di Mosca e le sanzioni economiche? 

Purtroppo la situazione in Ucraina dipende molto da questo conflitto tra Russia e paesi occidentali, in particolare con gli Stati Uniti. In questo senso l’oligarchia russa che pure supporta le Repubbliche Popolari tenta di utilizzarle come ‘moneta di scambio’ per alzare la posta di un eventuale accordo in particolare con l’Unione Europea.

Che giudizio date dell’intervento e del ruolo dei paesi occidentali in quanto è accaduto in Ucraina a partire dall’inizio di EuroMaidan, pensate ci sia stata una differenza di azione tra Stati Uniti e Unione Europea? 

Innanzitutto uno dei motivi scatenanti della crisi è stato il rifiuto da parte del governo Yanukovich di firmare il trattato di associazione con l’Unione Europea che è interessata a conquistare un mercato importante soprattutto in condizioni di crisi economica. Naturalmente l’Unione Europea non è interessata a sviluppare una guerra di importanti dimensioni proprio ai suoi confini e tende più a un patto, a un accordo con le controparti seppure alle proprie condizioni e nel rispetto tendenziale dei propri interessi. Al contrario gli Stati Uniti spingono per uno scontro frontale. Ad esempio quando a febbraio il presidente Yanukovich, sotto la pressione della piazza e dell’Unione Europea, aveva praticamente firmato la sua uscita di scena e l’indizione di nuove elezioni, dopo poche ore alcuni cecchini di identità ignota hanno sparato sulla folla e sui poliziotti nel centro di Kiev uccidendo 70 persone e spingendo così lo scontro verso il colpo di stato. E’ ovvio che l’ordine di sparare non poteva provenire dal governo Yanukovich che ormai era fuori gioco… Quando dopo il colpo di stato la situazione economica è tracollata il Fondo Monetario Internazionale si è offerto di sostenere economicamente l’Ucraina, ma in cambio non solo di pesanti piani di austerity e privatizzazioni, ma anche a condizione che il nuovo regime riprendesse subito il controllo di tutto il paese. Di fatto il FMI ha contribuito all'inizio della guerra civile, spingendo il regime di Kiev a scatenare la guerra contro le popolazioni insorte del Donbass. Non possiamo dimenticare la visita del capo della Cia a Kiev, tenuta segreta ma poi ammessa quando la notizia è stata riportata da alcuni media, visto che il giorno dopo il governo di Kiev ha dato inizio alla cosiddetta “operazione antiterrorismo” contro i ribelli delle regioni sud-orientali dell’Ucraina. Gli Stati Uniti non hanno fatto nulla per nascondere il loro intervento in Ucraina. Ricordiamo la famosa conversazione tra Victoria Nuland e l’ambasciatore statunitense a Kiev e la visita di Joe Biden che quando è arrivato in Ucraina non ha neanche fatto finta di intavolare un dialogo paritario con gli esponenti del nuovo regime ma si è limitato a impartire ordini seduto in presidenza nella sede del governo. Dopo questo incontro alcuni dirigenti politici ucraini si sono lamentati che il vicepresidente statunitense era stato molto severo nei loro confronti… Poco tempo dopo uno dei figli di Biden è diventato presidente di una delle maggiori compagnie per l’estrazione del gas nel paese.

L’ultima domanda sul ruolo dei nazisti in Ucraina. E’ la prima volta nel corso di molti decenni che l’estrema destra apertamente neonazista accede a importanti incarichi di governo in un paese europeo.  Come valutate prospetticamente questo fatto? Inoltre, come valutate la contraddizione di un’estrema destra che si dichiara teoricamente contro l’Unione Europea o degli Stati Uniti ma poi si mette al servizio degli interessi strategici di questi due poli imperialisti?

Se è vero che nel resto d’Europa generalmente l’estrema destra si dichiara contro l’Unione Europea da noi non è così, anzi. Le organizzazioni ultranazionaliste e fasciste ucraine da tempo sono generalmente filoeuropee e in questo momento il governo ucraino rivendica apertamente il coinvolgimento diretto dell’Ue e della Nato nel conflitto. Ciò rappresenta un pericolo enorme che potrebbe portare a un conflitto di dimensioni globali, pertanto crediamo che in Italia e nel resto dell’Europa l’obiettivo centrale delle mobilitazioni delle forze comuniste e di sinistra debba essere proprio impedire questo coinvolgimento.
Naturalmente il presidente Poroshenko e la sua amministrazione non hanno nessun interesse a concedere eccessivo potere all’estrema destra apertamente neonazista, anzi vorrebbero che i fascisti, dopo aver svolto il lavoro sporco a Maidan come forza d’urto contro il governo Yanukovich e poi nel Donbass per reprimere la ribellione ora si togliessero di mezzo. Una sorta di arrivederci e grazie. Ma i fascisti non sono stupidi, ora sono ben organizzati e radicati, hanno armi e soldi, infrastruttura militare e addestramento, oltre a una nutrita rappresentanza parlamentare, e quindi non è affatto facile liberarsi di loro. Anzi sono proprio queste forze di estrema destra che cercano di condizionare il governo come quando in alcune occasioni alcuni battaglioni neonazisti hanno abbandonato il fronte, sono tornati a Kiev assediando il parlamento e minacciando Poroshenko che se arriverà a un compromesso con le Repubbliche Popolari o la Russia rovesceranno con la forza anche lui.

* da www.contropiano.org

Joomla SEF URLs by Artio